Utilizziamo i cookies per garantire il funzionamento corretto del sito, per analizzare i dati di traffico e le campagne di marketing.
Continuando la navigazione nel sito, esprimi il tuo consenso all’uso dei cookies. Maggiori informazioni
Chiudi

Il tuo carrello è vuoto.
contatti plexiglass
Cerca nel Sito

Scopri le tecniche con cui viene lavorato il plexiglass

Il plexiglass è un materiale versatile e malleabile, che può essere plasmato per creare numerosi accessori e complementi d'arredo, scopri come viene lavorato

lavorazione plexiglass

Il plexiglass o metacrilato trasparente è una materia prima prodigiosa che si presta ad essere sottoposta a diversi tipi di lavorazione.

Per creare complementi d'arredo tridimensionali e rifiniti con eleganza, il plexiglass viene sottoposto ad una complessa lavorazione che si avvale di tecniche diverse.


A partire dal taglio. Le operazioni di tagliatura delle lastre di plexiglass possono essere eseguite attraverso modalità differenti: con seghe, frese a controllo numerico o laser.


Il taglio con sega prevede, come per la lavorazione del legno, l'impiego degli utensili impiegati in falegnameria (seghe circolari, squadratrici e fresatrici manuali).  

Le frese a controllo numerico, invece, consentono sia tagli semplici, sia fori ciechi, abbassamenti, incisioni in profondità e lavorazioni sulle supefici laterali. 


Il laser risulta la tecnica più sofisticata e conveniente, sia per la velocità d'esecuzione che garantisce, sia per il valore della finitura finale. La particolarità del laser, infatti, è il fatto che lucida mentra taglia.


Il taglio dei pezzi è solo il primo passo verso la creazione del prodotto finito.
Ma come si procede?


Il passaggio successivo, di solito, è quello della termoformatura. Come dice il nome stesso, si tratta di una lavorazione che fa "maturare" la forma degli oggetti in plexiglass attraverso il calore di un forno.


I prodotti semilavorati vengono, cioè, infornati ad una temperatura di 160°/165° per un tempo variabile. I tempi di "cottura" del plexiglass variano a seconda dello spessore del materiale. 


La termoformatura è essenziale per ottenere pieghe a doppia curva, archi complessi e forme tridimensionali. Insomma, tutte quelle linee sinuose ed eleganti che fanno degli oggetti in plexiglass dei complementi d'arredo pregiati ed esteticamente gradevoli. 

Dopo la permanenza nel forno, i pezzi sono abbastanza malleabili da poter essere modellati con appositi stampi per ottenere le forme desiderate. 


Un altro passaggio essenziale nella lavorazione del plexiglass è quello dell'assemblaggio dei pezzi. Anche in questo caso, si può ricorrere a procedimenti diversi.

Uno dei più innovativi, utilizzato per produrre la maggior parte degli articoli presenti nel nostro catalogo, è quello ad incastro


La tecnica ad incastro viene preferita per l'impatto estetico del prodotto finito, che non presenta antiestetici fissaggi visibili. E per la sicurezza che garantisce in temini di igiene e di tutela della salute. Indispensabile per gli espositori e i contenitori destinati ad ospitare alimenti sia sfusi che confezionati. L'assenza di collanti nocivi, infatti, preserva l'integrità della merce e scongiura ogni pericolo di contaminazione.


Infine, per dar vita ai prodotti in plexiglass eleganti e rifiniti che conosciamo, si ricorre al procedimento di lucidatura, fondamentale per ottenere superfici perfettamente lisce e prive di imperfezioni.


La lucidatura richiede un passaggio intermedio di carteggiatura delle superfici con l'uso di carte abrasive.


Il procedimento di lucidatura può essere effettuato secondo tecniche diverse:


  • Con l'uso di spazzole in cotone ventilato. La spazzola serve a sgrossare le superfici ed eliminare righe e imperfezioni. Il risultato viene poi perfezionato con l'uso di un brillantante e di una pasta specifica.

  • Tramite lucidatura a fiamma, condotta con un macchinario che sfrutta un mix di liquidi infiammabili.