Utilizziamo i cookies per garantire il funzionamento corretto del sito, per analizzare i dati di traffico e le campagne di marketing.
Continuando la navigazione nel sito, esprimi il tuo consenso all’uso dei cookies. Maggiori informazioni
Chiudi
Il tuo carrello è vuoto.
contatti plexiglass
Cerca nel Sito
  • Home >
  • News >
  • Espositori alimenti Garanzia plexiglass per contatto con alimenti

Espositori alimenti adatti al contatto con alimenti - garanzia e certificazioni MOCA

I nostri espositori certificati per il contatto con gli alimenti rispettano le normative sulle materie plastiche a contatto con i prodotti alimentari di Ministero della Sanità, Comunità Europea, U.S. Food and Drug Administration.


Gli espositori in PMMA trasparente per alimenti fabbricati e commercializzati sono costituiti da materiali conformi alle disposizioni comunitarie applicabili concernenti i materiali ed oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari.


certificazione MOCA

Di conseguenza, tali prodotti soddisfano le prescrizioni al seguente Regolamento:


Reg. (CE) 1935/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Ottobre 2004 riguardante i materiali e gli oggetti destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari e che abroga le direttive 80/590/CEE e 89/109/CEE;


Tali semilavorati (tubi e lastre colate estruse incolori in PMMA) vengono tagliati, modellati e incollati per cui L’Organizzazione trasformatrice si rende responsabile per gli usi e lavorazioni/trasformazioni subita dai nostri prodotti tenendo ad osservare le disposizioni secondo


Reg. (CE) 2023/2006 della Commissione, del 22 dicembre 2006, sulle buone pratiche di fabbricazione dei materiali e degli oggetti destinati a venire a contatto con prodotti alimentari;


In particolare, le diverse tipologie di materiali/semilavorati (PMMA) utilizzati e gli oggetti finiti assemblati e impiegati al contatto con gli alimenti (es. VALVOLA IN PLASTICA)


Soddisfano le prescrizioni pertinenti di cui ai:


Regolamento (UE) 10/2011 della Commissione, del 14 gennaio 2011, riguardante i materiali e gli oggetti di materia plastica destinati a venire a contatto con i prodotti alimentari e successivi aggiornamenti e/o rettifiche;

Decreto ministeriale n.34 del 21 marzo 1973, Disciplina igienica degli imballaggi, recipienti, utensili, destinati a venire in contatto con le sostanze alimentari o con sostanze d'uso personale e successivi aggiornamenti; per i materiali in ACCIAIO INOX – AISI 316 (viteria), in mancanza di tali specifiche di cui all’articolo 5 del Reg. (CE) 1935/2004, sono stati adottati le seguenti disposizioni di tipo nazionale:

D.M. n.140 del 11 novembre 2013 e D.M. n.195 del 6 agosto 2015 Quali Regolamenti recante aggiornamenti al decreto del Ministro della sanità 21 marzo 1973 “Disciplina igienica degli imballaggi, recipienti, utensili destinati a venire a contatto con le sostanze alimentari o con sostanze d’uso personale” limitatamente agli acciai inossidabili.


Le specifiche relative all’uso del materiale o dell’oggetto, quali: - contatto diretto: alimenti sfusi come caramelle, caffè, cialde gelato, confetti, legumi, ecc - contatto indiretto: bustine zucchero, topping, caramelle confezionate, palette confezionate ecc, - monodose: coppette in plastica, cannucce, bicchieri, palette in plastica ecc


Per consentire la effettuazione di controlli ufficiali conformemente alle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 882/2004 da parte dell’autorità sanitaria territorialmente competente lo stabilimento che eseguono le attività di cui al regolamento (CE) 2023/2006, si dichiara che codesta Organizzazione ha provveduto alla notifica per la concessione della registrazione sanitaria prevista dal D. Lgs. 29/2017 – art.6.

Questo assicura che non vi sia trasferimento di sostanze in grado di incidere sul prodotto e sulla sua corretta conservazione.


Gli espositori ed accessori in plexiglass per uso alimentare, vetrine, barriere e separatori, contenitori, ripiani, segna gusti, vassoi, non costituiscono rischi per la salute umana, né provocano deterioramento o alterazioni nella composizione dei prodotti alimentari.


Sono inoltre messe in atto buone pratiche di fabbricazione (good manufacturing practices — GMP) e sistema di controllo qualità per garantire che gli standard qualitativi adeguati all'uso cui sono destinati siano sempre rispettati, dalla fabbricazione alla distribuzione.